Incentivi 2019 per l’installazione di colonnine di ricarica

Enermia > Colonnine di ricarica > Incentivi 2019 per l’installazione di colonnine di ricarica

Incentivi colonnine di ricarica

Incentivi 2019 per l’installazione di colonnine di ricarica

La nuova legge finanziaria 2019 da slancio alla crescita della mobilità elettrica in Italia introducendo incentivi rivolti ai privati.

Tra le misure volte a favorire la scelta dell’elettrico la Legge di Bilancio prevede detrazioni fiscali per l’acquisto e l’installazione di colonnine di ricarica per il triennio 2019-2021.

 

Le spese detraibili saranno quelle sostenute, a partire dal 1° marzo 2019 e fino al 31 dicembre 2021 per l’acquisto e l’istallazione di colonnine domestiche per la ricarica di veicoli elettrici, comprese le spese di aumento della potenza fino a 7 kW.

La cifra massima detraibile è il 50% delle spese sostenute e calcolata su un ammontare complessivo massimo di 3.000 euro, che andrà ripartita in dieci quote annuali di pari importo.

 

Per accedere all’agevolazione le colonnine di ricarica devono essere dotate di uno o più punti di ricarica di potenza standard non accessibili al pubblico. Ciò significa che gli incentivi si rivolgono alle colonnine poste a servizio di condomini o delle singole abitazioni.

La disciplina applicativa e le procedure di concessione della detrazione saranno esplicitate con un prossimo decreto del Ministro dello sviluppo economico.

Questi incentivi vengono approvati in un periodo in cui il settore ha registrato una crescita significativa sia dal punto di vista dei volumi di vendite di colonnine di ricarica sia di auto elettriche, con l’obiettivo di sostenere concretamente un settore che promuove una mobilità sempre più attenta alle tematiche ambientali.

Tuttavia, l’attuale dislocamento sul territorio delle infrastrutture di ricarica non è omogeno, con differenze notevoli tra regione e regione.

La concentrazione maggiore è nel Nord Italia, a seguire il Centro ed infine il Sud e le Isole.

La maggior parte delle colonnine è localizzata nei contesti urbani e nell’aree di interesse, mentre fuori dalle città rimangono pochi i punti disponibili, anche se la minore diffusione è compensata dalla maggiore velocità di ricarica.